A sinistra quadro di
Richard Mauri.
 
On the left
Richard Mauri Painting
.
 
 
 
Quartetto Utili / Utili Quartet
 
   
Nicola Utili
 
   
Ritratto del liutaio Nicola Utili, quadro a del pittore Olivucci.
 
 
Portrait of Nicola Utili, oil painting by the painter Olivucci.
 
 
Quintetto Mediceo Primo violino Secondo violino Viola Violoncello
 
Clicca gli strumenti / Click the instruments.
 
   
QUARTETTO DI NICOLA UTILI,
CASTEL BOLOGNESE, 1938
QUARTET BY NICOLA UTILI,
FROM CASTEL BOLOGNESE, 1938
Nicola Utili è nato a Castel Bolognese (Ra) il 4- 3- 1888 ed è morto in questo luogo il 27- 5- 1962. Passato dai giochi di bambino alla liuteria, nel 1904 a soli sedici anni, gli è stato assegnato il diploma di "Menzione Onorevole". Successivamente, ha partecipato a mostre e concorsi internazionali, ricevendo sempre premi e riconoscimenti vari, per la realizzazione tecnica e per il suono dei suoi strumenti. Nicola Utili è il liutaio del sec. XX, che ha dato alle sue opere, in assoluto, la più forte personalità: il disegno delle casse armoniche realizzate con le punte delle "C" rivolte verso l'interno, che formano delle colonnine rotonde, non modificano la struttura interna della cassa di risonanza. I suoi strumenti hanno sempre un forte volume di suono. Lo stesso maestro Ansaldo Poggi aveva per il maestro Nicola Utili parole di elogio e di stima.Gli strumenti di questo maestro, oltre ad avere all'interno della cassa armonica l'etichetta con la data di costruzione, portano all'esterno, sopra la fascia superiore sinistra in prossimità del manico, la numerazione progressiva. Nella mostra di liuteria tenutasi in Cremona nell'anno 1949, invitato fuori concorso, Utili ha partecipato con il violino "L'Ornato", costruito a Castel Bolognese nel 1913, pubblicato con foto sul catalogo e iscritto nel registro del violino al n° 205. Il quartetto che pubblichiamo in questo libro porta i seguenti numeri, violino n° 297, violino n° 298, viola n° 299, violoncello n° 300 e l'etichetta interna "1938 Nicola da Castel Bolognese" .
Materiale usato per la costruzione.
I quattro strumenti sono costruiti con acero a marezzatura media stretta, proveniente dalla stessa pianta, il fondo del violoncello, della viola e dei due violini è di due pezzi, i piani armonici sono di abete italiano proveniente dalla stessa pianta, con venatura non uniforme. II modello privo di punte delle "C" è tipico di questo autore e il filetto è formato da un solo filo di ebano. La vernice è di colore rosso, data in modo uniforme su tutte
le superfici. Il quartetto unico nel suo genere è di ottima sonorità. Il maestro Nicola Utili ha scritto molto sulle sue esperienze e sulle sue teorie, questi scritti sono stati pubblicati in un libro Liuteria Tecnofìsicacustica a cura del collega Gabriele Carletti, Edizioni Aspasia 2003 San Giovanni in Persiceto (BO)
Nicola Utili was born in Caste I Bolognese (Ravenna) on March 4, 1888, and died here on May27, 1962. The step from playing games as a boy to the art of violin making came very soon, at the age of sixteen he was awarded an "Honorable Mention " diploma. He then participated in international exhibitions and competitions, frequently receiving prizes and various awards for the technical ability and sonorous instruments. Nicola Utili is the maker of the 20th century who gave the most personality to his instruments. The design of the body with inward turned "inner bouts " forming round columns where the ribs join at the corners. These do not modify the internal structure of the resonance case. His instruments have a powerful sound. Maestro Ansaldo Poggi spoke highly of Maestro Utili. In addition to the label with the date of construction on the inside, the instruments of this maestro bear a number on the upper rib near the neck. In the violin making exhibition held in Cremona in 1949, Utili participated "outside of contest" with a "decorated" violin built in Castel Bolognese in 1913, published with photographs in the catalogue and written in the violin registry n° 205. The quartet published in this book bears the following numbers: violin n°297, viola n°299, cello n° 300 and the internal label "1938 Nicola da Castel Bolognese ".
The material used for construction.
The four instruments were build with finely curled maple coming from the same tree. The backs of the cello, viola and two violins are of two pieces. The top plates are of Italian spruce coming from the same tree with a uniform grain. The model without "inner bouts " is typical of this maker, the purfling is made of one strip of ebony. The varnish is of a red color uniformly applied throughout the instrument. This sound of this unique quartet is excellent. Master Nicola Utili has written much about his experience as a violin maker, these writings are published in the book "Liuteria Tecnofisicacustica " by a colleague of his Gabriele Carletti, (Edizioni Aspasia 2003, Bologna san Giovanni in Persiceto).

 

 

 
   
Previous page
 
 
 
© Copyright 2010 Arte Liutaria All Rights Reserved. No part of this pages or images may be reproduced or utilized in any form or by means without permission in writing from Arte Liutaria.
 
 
 
For technical support about problem with this site: techsupp@arteliutaria.it